Beentouch, il mondo è piccolo ma non abbastanza

Team

Danilo Mirabile, CEO
Alberto Longo, CTO
Emanuele Accardo, Developer
Federica Munzone, Graphic designer
Emanuela Toscano, Legal aspects
Daniele Pecoraro, CMO

 

Progetto

Beentouch è un software VoIP che permette di effettuare chiamate e videochiamate ad alta risoluzione, sicure, fluidi e stabili attraverso internet.

TIM #Wcap Catania

 

Innovazione

La comunicazione avviene “Punto-Punto” tra due dispositivi, bypassando la necessità di appoggiarsi a server esterni.

 

Storia

“Pranzo in acceleratore. Si parla della qualità delle chiamate vocali di WhatsApp. Come con ogni cosa nuova, si gioca per smentire o confermare le dicerie. Io affermo che le mie chiamate WhatsApp sono straordinarie e ne avvio una davanti agli amici per dimostrarlo. ‘E’ vero!’, dicono tutti entusiasti. In effetti, la chiamata procedeva senza intoppi e qualcuno commenta alla fine: ‘Magari fosse così anche Beentouch! Quando ce lo fate provare?’".

Danilo lo aveva appena fatto, con una trovata che mostrava quanto la sua startup fosse affidabile.

Beentouch si basa su una struttura peer to peer, quindi non passa per alcun server: in questa maniera garantisce alte prestazioni. Grazie alle ultime tecnologie di trasmissione video e audio e a due cifrari inviolabili, offre un’esperienza comunicativa mai provata prima. A ciò contribuisce un’interfaccia curata nei minimi dettagli alla portata di qualunque utente, anche quelli non 2.0”.

Stanco dei continui problemi riscontrati con i software di videochiamate, Danilo ha deciso di fare da sé. Immaginate di voler comunicare con un amico o un parente lontano e bloccarvi continuamente con “come?”, “non ti sento”, “chiudi”, “richiama”. Davvero deludente.

Ho messo insieme un A-Team che realizzasse un software per permettere a chiunque di effettuare chiamate e videochiamate che eliminassero davvero le distanze. Il motivo è quello di alzare la resa prestazionale della trasmissione dei dati che avviene in maniera autonoma. Ma non solo, la nostra interfaccia basata su survey e studi di esperienza d’uso ridurrà l’abbandono dell’utilizzo dei software VoIP diffusi oggi, che dipende proprio dallo scarso comfort durante l’interazione.”

Il nome Beentouch nasce dal gioco di parole tra “Bee” (ape) e “be in touch” (restare in contatto). Le api posseggono uno dei sistemi di comunicazione più performanti del regno animale. L’obiettivo di Beetouch era quello di creare un sistema che replicasse tale efficacia e che facesse sentire le persone vicine e non separate da uno schermo.

Il percorso di accelerazione è stato fondamentale per la costruzione e la realizzazione del nostro progetto. Grazie ai workshop e ai tantissimi eventi organizzati, il team ha potuto perfezionare sempre più l’idea fino ad arrivare ad avere una versione alpha del prodotto.”

 

Quali sono le startup TIM #Wcap che stanno migliorando il teamworking? Leggi qui EDO, il nuovo tool per il teamworking