Localjob, una startup sotto i portici

Team

Luca Cavina, 24 anni, user experience designer
Mariagrazia Cinti, 25 anni, front end developer
Alessandro Di Teodoro, 26 anni, system integrator e amministratore di database e sistema
Andrea Lugli, 26 anni, project manager e CEO
Riccardo Russo, 24 anni, sistema back end, software architect e coordinatore generale nelle scelte tecnologiche

Progetto

Localjob è l’app che ti aiuta a trovare professionisti e artigiani certificati, di fiducia. E proprio nel momento in cui ti serve

LocalJob

Storia

Bologna, città dei portici. Andrea e Riccardo stanno traslocando. Servono un idraulico, un elettricista; serve un muratore, servirebbe anche un imbianchino. Andrea e Riccardo, però, sono studenti fuorisede e non hanno idea di come trovare un artigiano di fiducia. Ed ecco che in bilico su una scala, con un divano tra le mani, arriva l’idea (che è di Riccardo). Un’app che permetta di rintracciare idraulici, elettricisti, artigiani a domicilio. Quando serve, e subito.

“Ci siamo conosciuti tutti al corso di laurea in scienze informatiche a Bologna. Abbiamo formato un team e vinto un concorso. Da quel giorno abbiamo iniziato a portare Localjob come progetto a ogni esame universitario. Ciò ci ha consentito di pensare all’app in ogni suo aspetto.”

Colleghi di studi nella più antica università del mondo, Andrea, Riccardo, Mariagrazia (che è fidanzata con Riccardo), Luca e Alessandro, decidono insieme di sviluppare Localjob. Il concetto su cui punta la loro app è quello della fiducia. Quando si è lontani dalla propria città, in un ambiente che non si conosce, trovare qualcuno che faccia il proprio mestiere con precisione non è sempre così facile.
A differenza dei competitor, Localjob offre spazio esclusivamente ai professionisti certificati, in possesso di partita iva. Questo è già un indizio di fiducia. Un idraulico che sia un idraulico, e non un muratore che arrotondi facendo anche lavoretti idraulici, o viceversa.

“Finalmente, a marzo di quest’anno abbiamo deciso di costituire una società e siamo stati accolti dal Wcap di Bologna. Un luogo in cui l’‘ecosistema delle startup’ non è solo una frase alla moda, ma una realtà. Lo spirito di collaborazione tra le startup, e perfino l’amicizia, dentro Wcap sono tangibili”.

Localjob è la prima app nel suo genere dedicata al mobile. Un idraulico non passa troppo tempo in ufficio. Con Localjob, l’utente contatta il professionista o l’artigiano direttamente sull’app, in movimento, dopo aver letto il suo profilo e controllato i feedback che ha ricevuto.

C’è pure il servizio della chiamata d’urgenza. Un tubo fa acqua da tutte le parti, si lancia un allarme nella zona in cui ci si trova, con una foto descrittiva, e i professionisti dell’area rispondono con un preventivo. Anche se non sono in ufficio.
Fatta eccezione per Mariagrazia, nessuno del team di Localjob è bolognese. I ragazzi provengono tutti da regioni diverse: Veneto, Calabria, Abruzzo, Umbria, Emilia, Romagna (dicono che vivendo a Bologna si impara a tenerle distinte!).