VENTURE UP: INNOVAZIONE, IMPRESE E CAPITALI.

23-05-2017

TIM ha partecipato il 16 maggio presso la sede di Lazio Innova a Roma alla terza edizione di VentureUp, evento promosso da AIFI, Associazione italiana del private equity, venture capital e private debt, e dal Fondo Italiano d'Investimento per favorire l’incontro tra le startup e i fondi di venture capital.

La giornata, aperta dal presidente di AIFI e FII Innocenzo Cipolletta, è proseguita con una serie di interventi che hanno visto la partecipazione anche di Stefano Firpo - Direttore Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese al Mise, Domenico Arcuri - Amministratore Delegato Invitalia, Guido Fabiani - Assessore Sviluppo Economico e Attività Produttive Regione Lazio, Massimiliano Ambra - responsabile del Business Development di TIM e consigliere d’amministrazione di TIM Ventures, Carlo Mammola - Amministratore Delegato Fondo Italiano d’Investimento, Leone Pattofatto - Presidente Cassa depositi e prestiti Equity, Alessio Rossi - Presidente Confindustria Giovani Imprenditori, Bjorn Tremmerie - Direttore ICT e Business Angel Investments FEI.

Massimiliano Ambra, che ha partecipato alla sessione di round table della mattina dedicata al venture capital e all’innovazione, ha parlato di TIM #WCAP e TIM Ventures, due dei principali tool di open innovation di TIM e del relativo riposizionamento strategico in atto, in coerenza con la crescita dell’ecosistema e l’evoluzione della business strategy aziendale:

“TIM è stata la prima tra le corporate italiane ad adottare un modello di open innovation e a cooperare con le startup, sia sviluppando un programma di accelerazione proprio, presente in tutti i principali hub d’innovazione italiani (TIM #WCAP) sia creando un veicolo dedicato per operare nel venture capital (TIM Ventures), presidiando così in maniera completa, end 2 end, l’intera filiera. Oggi però la sfida si è fatta più difficile. Se in precedenza, infatti, si operava per costruire la terza wave del settore Telco, quella dell'Hyper Connected World, supportando il percorso di crescita di idee e progetti con un ritorno in genere previsto solo nel medio-lungo termine, oggi invece l’evoluzione dell’offerta verso nuovi servizi e prodotti innovativi e l’ingresso in nuovi business adiacenti rappresentano priorità aziendali correnti. E’ quindi fondamentale comprimere sempre di più il ‘time to market’ lavorando con startup che abbiano soluzioni pronte per essere integrate rapidamente nella catena del valore aziendale. E’ in questa direzione che TIM sta riposizionando le proprie attività”.

Massimiliano Ambra ha quindi illustrato la nuova “Call for Partners” lanciata lo scorso 10 maggio:
“Si tratta di un invito rivolto alle startup che operano in settori di interesse strategico per TIM, con soluzioni digitali già commercializzate o a un livello avanzato di sviluppo per poter essere integrate rapidamente nell’offerta TIM: l’IoT con particolare attenzione per soluzioni Smart Home e Smart Trackers, la Digital Identity e Payment per il mondo consumer, mentre per la clientela business la Cyber Security e l’Industry 4.0 ”.

La sessione pomeridiana è proseguita con una serie di incontri ‘one to one’ tra le startup e i principali investitori italiani a cui TIM Ventures ha partecipato incontrando oltre 30 startup.