Open Innovation

TIM #Wcap si fonda sull’Open Innovation. Valorizziamo le forze esterne, per aumentare le sinergie e aprire le porte alla condivisione di idee e progetti. Con questo spirito selezioniamo ogni anno decine di startup alle quali assegnamo un grant, un anno di mentorship altamente qualificata e spazi di coworking.

Il talento si muove, le competenze hanno bisogno di spazio e di realtà dinamiche. I prodotti necessitano di continua ricerca. Il mercato e i modelli economici cambiano a ritmi velocissimi. Sono queste le premesse dell’Open Innovation. Un’espressione coniata nel 2003 dall’economista statunitense Henry Chesbrough, che dirige il Center of the Open Innovation della Haas School of Business e che sul tema ha scritto vari libri.

Ma cos’è l’Open Innovation? È scegliere, coraggiosamente, il futuro. Oggi le aziende possono fare innovazione utilizzando non solo le risorse interne, i laboratori, i propri reparti R&D, ma anche rivolgendosi all’esterno. Le grandi società, così come le piccole e medie imprese, possono sporgersi per dare un’occhiata a quanto si pensa e si realizza fuori dai loro uffici, lontano da quelli che un tempo erano segreti aziendali attentamente custoditi. Ed ecco uno dei miti che l’Open Innovation sfata: “Nessuno deve sapere quello che stiamo facendo.” Una tale chiusura appartiene al passato e non aiuterebbe oggi la crescita e il business di alcuna impresa. Poiché è chiaro che se partner e consulenti non conoscono ciò su cui si lavora, non possono aiutare l'azienda da cui sono stati ingaggiati.

L'Open Innovation ha a che fare con l’apertura, la connessione, la condivisione delle idee, ma è ovvio che non obbliga a un’openness indiscriminata. Bisogna però valorizzare sempre più le forze esterne e ci si accorgerà che i vantaggi non sono pochi. Ecco qualche esempio: si ottimizzano i costi di sviluppo e ricerca; si aumenta la sinergia tra risorse interne ed esterne; targettizzazione e marketing diventano più precisi e mirati; si guadagnano clienti sin dalle prime fasi di lancio del prodotto.

TIM #Wcap Accelerator è fondato sull’Open Innovation. Anzi, è proprio uno dei modi con cui TIM fa Open Innovation. Fin dalla sua nascita, TIM #Wcap ha messo in moto un network che lo ha reso l’unico acceleratore corporate in Italia, contribuendo a spostare la visione aziendale verso partner come università, centri di ricerca, primi fra tutti i JOL (Joint Open Lab), e aprendo le porte di TIM alle migliori startup degli ultimi anni.

Basta scorrere le startup TIM #Wcap 2015, per capire quanta innovazione possano portare progetti del genere alle aziende che vogliano attraversare il futuro attrezzate degli strumenti giusti.

Ciò che una startup può imparare da un’azienda come TIM è probabilmente pari a quello che un’azienda può avere da giovani innovatori che lavorano con una passione difficile da trovare altrove. Lo scambio è, infatti, uno degli elementi essenziali dell’Open Innovation. Ed è per questo che negli acceleratori TIM #Wcap l’innovazione è sempre aperta. Innovation is open.

 

 

Come si è svolto il secondo mese di accelerazione? Accelerazione - Mese 2